Tre cose che nessuno sa di Annalisa

annalisa x sito cover orizz

foto Mario Gomez

A registratore spento, a intervista conclusa, Annalisa riemerge dalla poltrona in cui era sprofondata. Tira un sospiro e sussurra: «Mi sembra di aver fatto una seduta di psicoanalisi». Poi, prima di infilarsi in macchina e guidare tre ore verso casa sua a Savona, si stiracchia come per scrollarsi di dosso la stanchezza di una giornata di concentrazione. Già perché lei, che non è modella ma cantautrice, affronta il servizio fotografico che trovate a pag. 89 di Glamour di novembre come fosse un esame all’università: studia ogni posa con precisione millimetrica (d’altra parte è laureata in Fisica), cerca di assecondare i criptici desiderata del fotografo (stile “ridi con il cuore”), esprime con garbo e fermezza la sua opinione sugli abiti. No, sul trucco no: alla make-up artist si affida, perché l’ha scelta personalmente. Annalisa Scarrone, per molti solo Annalisa, per i veri fans solo Nali, è una che tiene ogni cosa sotto controllo. E non ne fa mistero: «Sono insicura su tutto, tranne che sulla musica. Sul palco mi sento brava».
Nei suoi 33 anni, di palchi ne ha conosciuti parecchi: da quello di Amici di Maria De Filippi che l’ha lanciata nel 2010, agli innumerevoli che ha calcato per le promozioni dei sei album, fino al prestigiosissimo Ariston. Ma queste sono informazioni che sappiamo tutti. Nessuno invece sospetta tre cose di lei, che ci ha confessato in esclusiva.
1) È shopping addicted
«Quando sono stressata, mi basta comprare qualcosa per sentirmi meglio. Esempio: poco fa ero in tour per lavoro e ho perso una coincidenza. Per il volo successivo mi è toccato attendere quattro ore. Quattro ore in cui, per consolarmi, ho setacciato tutti i negozi dell’aeroporto. Poi, non contenta, ho fatto un giro anche sugli store online».
2) Scrive molto bene
«All’università ero diventata la cocchina di un professore semplicemente perché, a differenza della maggior parte degli studenti di Fisica che prendono appunti in maniera illeggibile, io avevo una bella grafia».
3) Ha fatto pace con lo specchio
«Non mi sono mai piaciute le mie braccia. Adoro le donne con le braccia sottili o muscolose. Tutte qualità che non ho. Fino a poco tempo fa, per questo motivo, evitavo di mettere le canottiere. Ma da quando ho detto basta alle paranoie, sai che c’è? Ho ricominciato a sfoggiarle».

Per sapere quando e perché Annalisa ha smesso di farsi le «pippe mentali», come le chiama lei, l’appuntamento è a pag. 89 di Glamour di novembre.

L’articolo Tre cose che nessuno sa di Annalisa sembra essere il primo su Glamour.it.