Il decalogo del pattern

Linda Bag di YNot?
Linda Bag di YNot?
Linda Bag di YNot?
Linda Bag di YNot?

GettyImages-1024872692

Righe, pois e stampe floreali. E ancora: ricami, applicazioni e impunture. Dettagli che rendono interessante un outfit ma che rischiano anche di rovinarlo se abbinati nel modo sbagliato. Se il solito look monocolore vi ha stancato è giunta l’ora di renderlo più interessante con un tocco speciale certo, ma a meno che non abbiate deciso di avere un aspetto decisamente eccentrico sarà meglio tenere a mente alcune regole base per riuscire a sovrapporre colori e fantasie diverse con grande stile.

Ecco qualche semplice regola per dare un twist in più al guardaroba senza fare scivoloni fashion.

1 – Le basi: il guardaroba consiste principalmente di capi basic in nuance neutre? Ottimo, sarà più semplice introdurre elementi speciali e abbinarli a ciò che possedete già.

2 – Giacche, cappotti e trench: se il vostro armadio è fatto esclusivamente di capi tinta unita e non osate neppure un ombrello fantasia un’ottima soluzione potrebbe essere proprio quella di puntare sui capispalla. Dover indossare un abito a pois all day long potrebbe risultare troppo per voi: meglio provare con un blouson tapestry che potrete sfilare in qualsiasi momento.

3 – Questione di dettagli: se non ve la sentite ancora di indossare un intero outfit a fiori sgargianti scegliete bijoux particolari che sapranno rendere interessante anche un anonimo maglione nero.

4 – Gli accessori saranno i vostri best friend: nel dubbio puntate su zainetti, tracolle e minibag. YNot? per esempio è il brand Made in Italy che ha fatto di stampe e pattern il centro del proprio design. Vi basterà scegliere uno tra i tantissimi modelli della FW 2018 per dare un twist in più agli abiti di tutti i giorni. E tra print cartolina, stampe colorful e camouflage, la collezione Linda è l’opzione perfetta per chi preferisce un look più discreto dato che include pattern in nuance  soft ed estremamente chic.

5 – No al total look: evitate di vestirvi a pois dalla testa ai piedi, meglio scegliere un main piece particolare (abito, giacca o gonna a scelta) e abbinare capi e accessori neutri.

6 – L’effetto arcobaleno dona a poche: se sovrapporre stampe nei toni del beige e del grigio è più semplice e permette di osare di più in termini di abbinamenti, per i colori sgargianti vale la regola numero 5.

7 – Micro o macro: le dimensioni contano. La camicia stampata stile Hawaii, ad esempio, sta meglio con gonna o pantaloni tinta unita invece i micropattern si abbinano alla perfezione tra loro perché lo stacco tra una stampa e l’altra risulta meno evidente.

8 – Attenzione al trucco: meglio evitare smoky eye e labbra intense, il focus deve rimanere sulla vostra mise.

9 – Siate sicure di voi stesse: la riuscita di un outfit dipende al 99% dallo spirito con il quale lo indossate.

10 – La regola è che non ci sono regole: se volete siete libere di ignorare tutti i punti precedenti perché l’importante è divertirsi. L’abbinamento non è riuscito? Semplice, tentatene uno nuovo!

L’articolo Il decalogo del pattern sembra essere il primo su Glamour.it.