Malattie professionali: quali sono i sintomi dell’antracosi?

È una malattia professionale che colpisce i polmoni, che diventano nerastri a causa della deposizione di particelle di carbone. Spesso si associa a silicosi (antracosilicosi). Le particelle di carbone si accumulano progressivamente negli interstizi e, trasportati dalla corrente linfatica e sanguigna, possono depositarsi anche nei linfonodi o negli organi più lontani quali la milza.

Dopo vent’anni di esposizione lavorativa all’antracite nel 50% dei casi compaiono evidenti segni radiologici di antracosi.

Quali sono le cause?

L’inalazione prolungata della polvere presente nelle miniere di carbone: le particelle di polvere di carbone vengono fagocitate dai macrofagi polmonari e si accumulano nelle pareti degli alveoli.

La continua esposizione al carbone rende cronico il processo infiammatorio, provocando una sempre più grave distruzione del tessuto polmonare fino a renderlo fibrotico.

Quali sono i sintomi?

Si presenta come una bronchite cronica, con insufficienza respiratoria ostruttiva. I minatori possono presentare tosse e difficoltà respiratoria che peggiora parallelamente al progredire della fibrosi.

Quali sono le terapie?

Non esiste una terapia efficace.

Sindrome di Loeffler, quando i parassiti raggiungono i polmoni

Broncopolmonite: quali sono le differenze con la polmonite?

Polmonite: sai quanti tipi ne esistono?

Tumore ai polmoni: esistono esami per individuarlo subito?

L’articolo Malattie professionali: quali sono i sintomi dell’antracosi? proviene da Ok Salute e Benessere.