Chi vuole adottare un cane di Chernobyl?

0
43

Proprio come sta facendo per il turismo, la nuova serie di Hbo sul disastro nucleare di Chernobyl ha acceso i riflettori su chi vive tuttora nell’area rossa: centinaia di cani e gatti randagi, discendenti di quegli esemplari che nel 1986 vivevano con le loro famiglie non lontano dalla centrale ucraina. 

E’ dal 10 maggio 2017 che su GoFundMe è attiva una raccolta fondi per salvare i cani di Chernobyl. E in questo ultimo periodo, proprio grazie alla serie tv, le donazioni sono sensibilmente aumentate, arrivando a superare i 65 mila dollari, circa 58 mila euro. Fondi che verranno utilizzati dal Clean Futures Fund per fornire assistenza medica ai randagi che vivono nell’area.

I cani vengono «trattati per avvelenamento da radiazioni, nonché vaccinati contro la rabbia e sterilizzati», in attesa di trovare una famiglia che voglia adottarli. Dal 2017, l’ente no profit ha trattato oltre 850 cani e gatti randagi mentre lo scorso anno è riuscito a trovare casa a quaranta cuccioli in altrettante famiglie di tutto il mondo. Adozioni che ora – almeno, si spera – il film possa in qualche modo incentivare: i cuccioli, infatti, mostrano livelli molto bassi di radiazioni e dopo una «decontaminazione» con disinfettanti specifici possono essere accolti in casa senza alcun pericolo.

«Quando migliaia di persone furono costrette ad evacuare Chernobyl nel 1986, furono autorizzati a prendere solo ciò che potevano trasportare. Gli è stato detto che sarebbero tornati a casa presto, quindi la maggior parte delle persone ha lasciato i loro animali domestici con un po’ di cibo e acqua in più. Sfortunatamente, a queste famiglie non è mai stato permesso di tornare», spiega il Clean Futures Fund.

«Molte persone pensano che oggi Chernobyl sia una terra desolata post-apocalittica, ma ci sono migliaia di lavoratori nella centrale nucleare e altrettanti cani randagi che vivono nelle aree circostanti: oltre il 90 per cento ha fra i tre e i cinque anni e tutti i cuccioli nati in inverno non sopravvivono senza assistenza». La stima attuale è che circa 220 cani vivano nella centrale nucleare e oltre 750 nella zona di alienazione, rendendo così più complicato il loro recupero. Ma la raccolta continua, così come la speranza di poter offrire alle nuove generazioni un futuro migliore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here