Patricia Manfield è diventata Heir: «La musica non è un capriccio da (ex) influencer»

0
11

Foto THEHUT.SPACE

Foto THEHUT.SPACE

Bye-bye Patricia, it was cool for a while. Così, su Instagram, Patricia Manfield liquida la vita da it-girl. Classe ’92, origini russe, una bellezza da commedia romantica e un’infanzia tutta napoletana, partecipa per caso a una sfilata di Roberto Cavalli: i fotografi la notano («Credevo avessero sbagliato persona», racconta), gli scatti girano, il destino fa il resto. E la studentessa di Fashion Business diventa web star. Il sogno, però, è la musica. Nel 2018 cambia nome e nasce Heir, che significa “erede”, in omaggio ai genitori musicisti classici. I primi due singoli, Threads e Love Song, totalizzano quasi 800mila stream su Spotify. Il terzo s’intitola Soundtrack e nel video, in un’ambientazione da Blade Runner, la cantante interpreta una femme fatale: «Ho preso lezioni di pole dance». A settembre, esce l’album Daddy 
Issues, «che spazia tra generi diversi».
Ti sei presa la libertà di cambiare.
«La gente ha pensato che fossi pazza: le collaborazioni con i brand fruttano parecchio. Ho scelto un nuovo nome d’arte per ripartire da zero e non passare per l’influencer col capriccio della canzoncina».
E i tuoi follower?
«Sono molto felici, comprendono il mio amore per la musica. E, miracolo, non ho più haters!».
Perché prima li avevi?
«Mi bersagliavano per il mio peso. Se postavo una foto mentre mangiavo un piatto di pasta, pensavano che io stessi fingendo. Il fatto è che non prendo un etto. L’infanzia a Napoli deve aver abituato il metabolismo ai carboidrati (ride, ndr)! Scherzi a parte, ho avuto amici con disturbi alimentari: la gente, a volte, è superficiale. E la superficialità mi fa sentire in gabbia».

>>> L’intervista, a firma Gaspare Baglio, continua a pag. 106 di Glamour Luglio.
Qui Heir ci regala i cinque brani che le vengono in mente quando pensa alla libertà, il tema del nuovo numero. Quali sono i vostri?

L’articolo Patricia Manfield è diventata Heir: «La musica non è un capriccio da (ex) influencer» sembra essere il primo su Glamour.it.