Capovolgere le cose è bello

0
6
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual
Forwards is boring*, la campagna manifesto di Desigual

«Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: ciò che è non sarebbe e ciò che non è sarebbe!». È dal 1865 che Lewis Carroll ci stuzzica la mente con questo pensiero che è tra i punti cardine del libro Alice nel paese delle meraviglie. Seppur questo «mondo ideal» non possa esistere e nemmeno essere minimamente replicato nella realtà, non è detto che non possiamo essere liberi di guardare le cose da un altro punto di vista.

A stuzzicarci, questa stagione, non è nessuna eroina delle favole ma Desigual, il brand nato a Ibiza nel 1984 con il motto «La vida es chula» (la vita è cool) nel DNA e che crea la sua nuova campagna digitale. O meglio un manifesto della sua filosofia, «del modo di pensare, lavorare, creare – spiega Guillem Gallego, chief marketing officer Desigual – È il nostro modo di vedere la vita». Tutto è cambiato nel momento in cui è stato capovolto, in maniera permanente, il logo. «Un cambio immagine è il risultato di un cambio di mentalità – continua Gallego – Oggi siamo pronti a condividere il nostro cambiamento con il mondo, sotto forma di manifesto.» Niente logica o follia. «Bisogna salvaguardare il bambino che è in noi!» è il motto di Desigual che, quest’anno, festeggia i sui primi 35 anni (anche se non li dimostra!).

Forwards is boring* è la prima campagna manifesto del brand ibizenco. Da una parte è una dichiarazione di principi e intenzioni come marchio, dall’altra è un invito a essere illogici e ad applicare quello che Desigual chiama il backward thinking, il metodo creativo basato sulla logica dell’illogico. Capovolgere i problemi è il suo punto di vista, e di certo è un toccasana per tutti! Chi lo pratica, inizialmente può sentirsi strano, fuori luogo, un po’ come Alice appena arrivata nel paese delle meraviglie. Ma una volta lasciate le ostilità alle spalle, si inizierà a percepire un senso di leggerezza e di libertà. Fino a prenderci gusto!

Il video della campagna, creata da Lisa Boostani, con protagonisti le attrici Marina Ontanaya e Princesonga, i ballerini Adnan Souilah e Omar F, la body painter Claudia Sahuquillo e i modelli Mouchette Bell e Ricc Dominguez, è al contrario. «Abbiamo ideato esperienze che ti obbligano a capovolgere il cellulare o a sperimentare con la fotocamera in modalità selfie. Vogliamo un’interazione totale con gli utenti senza lasciarli indifferenti. Bisogna farli pensare!», spiega Ricardo Gómez, head of consumer marketing Desigual. «Anche se non sembra, tutto ha un senso!».

 

L’articolo Capovolgere le cose è bello sembra essere il primo su Glamour.it.