La camera delle meraviglie al Festival di Venezia 2019

0
3
Vittoria Schisano

Vittoria Schisano

Quando Harry Potter aveva bisogno di qualcosa gli compariva davanti “la stanza delle necessità”, tra i corridoi magici della scuola di Hogwarts. Qualcosa del genere accade ogni anno alla Mostra del cinema di Venezia. Tra un red carpet e una premiere, le celebrity hanno bisogno di un momento di break lontano dagli occhi dei curiosi e così si rifugiano in una specie di camera delle meraviglie sul Canal Grande, più precisamente al SINA Centurion Palace hotel, dove scoprono le tendenze del momento – tutte rigorosamente made in Italy – e si fanno coccolare. Sorseggiano un aperitivo Campari, bevono una tazza di caffè Hausbrandt (Toni Servillo e Alessandro Gassmann, ad esempio, iniziano a carburare solo dopo una massiccia dose di caffeina) e nel frattempo si affidano alle mani esperte di Anna e Guglielmo Barbaresi, due fratelli siciliani di Castelvetrano, punta di diamante dell’equipe del make up artist romano Robin Facemaker. C’è chi si gode il tramonto sbirciando le gondole e chi invece si diverte a provare ogni tipo di accessorio, dalle scarpe ai foulard, come se fosse nel backstage di una sfilata.

Alessandro Gassman

Alessandro Gassman

LA FIERA DELLE VANITA’
Il regista Terry Gilliam ha messo su un vero e proprio teatrino passando un intero pomeriggio a sbirciare il contenuto delle borsette Ynot? e a provare i gemelli di Ottaviani. Il collega Spike Lee, invece, dopo un giro in Porsche (alle star è stato fatto provare l’ultimissimo modello in arrivo sul mercato), ha ricevuto da Marco Melis un paio di occhiali da sole personalizzati con dedica incisa al laser. L’istrionico artista confeziona personalmente da vent’anni ogni creazione usando un pantografo degli Anni Sessanta e venticinque manichini con teste diverse per tratti somatici, dagli zigomi al naso, in modo da realizzare il modello perfetto – e unico – per ogni viso.

Il regista Spike Lee

Il regista Spike Lee

I GADGET CULT
Gli ospiti del festival si sono divertiti a scoprire vere e proprie chicche realizzate in edizione limitata per l’evento, come i due mazzi di carte – da uomo e da donna – di Fragiacomo, fuori commercio, con modelli diverse di calzature al posto dei semi. Da Edoardo Leo a Diana Del Bufalo, l’idea ha fatto impazzire tutti i divi nostrani. Il caldo torrido della Laguna ha fatto correre ai ripari Laboratorio Olfattivo che ha creato per l’occasione uno speciale ventaglio su cui spruzzare le proprie fragranze e da rinfrescare all’occorrenza con un tocco personalissimo. Lo hanno provato subito – e da allora non se ne sono più separate – le attrici Anna Foglietta, Miriam Candurro e Vittoria Schisano.

Anna Foglietta

Anna Foglietta

STRAVAGANZE & SUPERSTIZIONI
Per la serie “non è vero ma ci credo” arriva Dop, un gioiello a forma di peperoncino/corno portafortuna nascosto in una miniconfezione di pasta – farfalle, per la precisione – che non poteva non attirare la curiosità delle star, da sempre fortemente scaramantiche, soprattutto prima di salire sul palco. Chiara Giallonardo e Andrea Cocco hanno promesso che avrebbero indossato il bracciale h24. Dei cappelli gioielli e delle fasce tempestate di pietre preziose di Chic Beachwear si sono invaghite Stella Egitto e Aurora Ruffini. Che le portino con sé nel weekend scelto nei Nero Hotel d’Italia? La compagnia ha anche realizzato uno champagne con bottiglie autografate dai vip e poi messe all’asta per beneficienza. Ogni visitatore ha deciso la destinazione preferita. Elena Sofia Ricci ha puntato su Verona, Euridice Axen, Paola Minaccioni e Massimiliano Bruno hanno preferito la Toscana, mentre Terry Gilliam visiterà Ostuni.

Stella Egitto

Stella Egitto

CI METTO LA FACCIA
L’oggetto dei desideri? Il buono da duemila euro nella beauty clinic Villa Brasini, la preferita di Chiara Ferragni, che a Roma e a Milano rigenera le celebrity (e non solo). Per il festival ha realizzato un kit travel size per “emergenze di bellezza” prima della tappa di benessere al centro, che hanno subito provato – tra le altre – Denny Mendez e Caterina Guzzanti. Dai trucchi naturali Dolomia (lo dice il nome, realizzati nelle Dolomiti) alle fragranze dedicate ai sette colli di Roma di Mauro Lorenzo, gli artisti italiani hanno scoperto piccoli grandi segreti di bellezza che promettono non abbandoneranno mai. L’accessorio cult invece è diventato la giacca in pelle, coloratissima e dall’allure vintage, di Suprema. Gialla per Micaela Andreozzi, verde militare per Jenny De Nucci e rossa per Giulia Elettra Gorietti. Paolo Ruffini punta sul blu, Euridice Axen preferisce il bianco. Per completare il look da festival arriva Ottaviani, partner storico di moltissimi eventi cinematografici: Valeria Solarino ha puntato su un collier a cascata e Alessia Barela sugli orecchini stile Charleston, mentre Rocco Papaleo e Filippo Melloni puntano sul più classico degli orologi.

Rocco Papaleo, Valeria Solarino

Rocco Papaleo, Valeria Solarino

Molti look da red carpet sono nati tra queste mura e diventeranno di tendenza nel giro di pochi giorni, perché qui non si segue la moda, la si crea con una serie di commistioni suggestive e imprevedibili. Il lato più sorprendente di questo angolino segreto sta però nel fatto che quasi tutte le coccole che le celeb si sono concesse nella stanza sono alla portata di tutte, per sentirsi dive tutti i giorni con un tocco di brio.

L’articolo La camera delle meraviglie al Festival di Venezia 2019 sembra essere il primo su Glamour.it.