Greta Thunberg: “Stiamo ignorando le soluzioni climatiche naturali”

0
312

Il film dell’attivista svedese e il giornalista del Guardian George Monbiot affermano che la natura deve essere utilizzata per riparare il clima sfavorevole

La protezione e il ripristino degli ecosistemi viventi come foreste, mangrovie e prati di alghe possono riparare il clima danneggiato del pianeta ma vengono trascurati, Greta Thunberg e George Monbiot hanno messo in guardia la popolazione in un nuovo cortometraggio.

Le soluzioni climatiche naturali potrebbero rimuovere enormi quantità di anidride carbonica dall’atmosfera mentre le piante crescono. Ma questi metodi ricevono solo il 2% dei finanziamenti spesi per ridurre le emissioni, affermano gli attivisti del clima.

La loro richiesta di proteggere, ripristinare e finanziare le soluzioni per il clima naturale precede uno sciopero globale del clima guidato da giovani venerdì e un vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a New York lunedì. Il film verrà mostrato ai capi di stato e ai capi delle Nazioni Unite per il clima e la biodiversità a New York.

Ripristinare la natura aiuta anche a proteggere le persone dai crescenti eventi meteorologici estremi che la crisi climatica sta portando, poiché gli alberi aiutano a prevenire le inondazioni e le mangrovie proteggono le coste. Inoltre, l’annichilimento della fauna selvatica che ha provocato un calo delle popolazioni animali del 60% dal 1970 può essere affrontato ricreando l’habitat perduto. Tuttavia, rimane vitale che la combustione di combustibili fossili venga interrotta se si vuole porre fine all’emergenza climatica.

La piantagione di alberi “ha un potenziale strabiliante” per affrontare la crisi climatica.

“In questo momento, stiamo ignorando le soluzioni climatiche naturali”, ha affermato Thunberg. “Spendiamo 1.000 volte di più in sussidi globali per combustibili fossili che in soluzioni basate sulla natura. Questi sono i tuoi soldi, sono le tue tasse e i tuoi risparmi. “

“La natura è uno strumento che possiamo usare per riparare il nostro clima sfavorevole”, ha dichiarato Monbiot, autore e giornalista Guardian che ha fondato una campagna Natural Climate Solutions all’inizio di quest’anno. “Queste soluzioni potrebbero fare una differenza enorme, ma solo se lasciamo anche i combustibili fossili nel terreno.”

Shyla Raghav di Conservation International, che ha contribuito a finanziare il film, ha dichiarato: “Il fatto è che semplicemente non riusciremo a evitare la disgregazione del clima senza la natura”.

Le emissioni globali di carbonio devono essere dimezzate nel prossimo decennio per evitare gravi impatti dal riscaldamento globale, ma sono ancora in aumento. È quindi quasi certo che il biossido di carbonio dovrà essere rimosso dall’atmosfera e che la tecnologia come seppellire la CO2 sotterranea non è stata dimostrata su vasta scala.

Nel film, Monbiot afferma: “Esiste una macchina magica che aspira il carbonio dall’aria, costa pochissimo e si costruisce da sola. Si chiama albero “. Una recente analisi scientifica ha concluso che la crescita di miliardi di alberi in tutto il mondo è il modo più grande ed economico per affrontare la crisi climatica, sebbene anche la combustione di carbone, petrolio e gas debba finire.

“Stiamo vivendo all’inizio di un’estinzione di massa e il nostro clima si sta abbattendo”, afferma Thunberg nel film. “Ma possiamo ancora risolvere questo problema – puoi ancora risolvere il problema.”

“È semplice”, afferma. “Dobbiamo proteggere, ripristinare e finanziare”. Ciò significa proteggere le foreste tropicali che vengono abbattute al ritmo di 30 campi da calcio al minuto, ha detto, ripristinando le vaste aree del pianeta che sono state danneggiate e fermando il finanziamento di cose che distruggono la natura e invece pagano per attività che la aiutano.

Il produttore del film, Tom Mustill di Gripping Films, ha dichiarato: “Abbiamo cercato di fare in modo che il film avesse il minor impatto ambientale possibile. Abbiamo portato i treni in Svezia per intervistare Greta, caricato la nostra auto ibrida a casa di George, usato energia verde per alimentare l’editing e riciclare le riprese dell’archivio piuttosto che girare nuove. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here