Libre, il profumo per lei che piacerebbe anche a lui

0
4
COVER

Dua Lipa per Libre

Libertà. La parola magica che ha direzionato la vita e il lavoro di Monsieur Yves Saint Laurent e condivisa da tutte le sue donne, le muse che hanno ispirato le sue leggendarie creazioni e le donne di tutto il mondo che le hanno indossate. In maniera anche anticonvenzionale. “So di aver rivoluzionato il mondo della moda e di aver aperto alle donne le porte di un mondo fino ad oggi proibite”, è una delle affermazioni dello stilista che proprio a loro ha donato il potere dell’iper-femminilità vestendole con minigonne ideate non per sedurre, ma per permettere loro di muoversi con più libertà. Ma che soprattutto ha rivoluzionato i canoni estetici e stilistici trasformando il tuxedo in un capo femminile, alternativa all’abito da sera.

E quella stessa libertà, rivoluzionaria e “couture”, non provocatoria, la troviamo in Libre, la nuova fragranza femminile Yves Saint Laurent Beauté che, come il tuxedo negli anni Sessanta, libera le donne di oggi da convenzioni e legami, permettendo loro di vivere secondo le proprie regole dopo anni di lotte per l’emancipazione, senza compromessi. Perché è pur vero che oggi il nuovo lusso si esprime anche indossando un profumo. Ma non un generico profumo, bensì il nuovo Libre, dedicato proprio a una donna decisa e iper-femminile, affezionata al lusso e amante della natura, cool e ribelle, guidata solo dal proprio istinto e dal fuoco interiore. Senza limiti, insomma.

COVER3

UNA FRAGRANZA AL CONFINE TRA MASCHILE E FEMMINILE
E una femminilità del genere necessita di una fragranza speciale, capace di catturare il coté anche maschile che alberga sempre negli animi più complessi e sfaccettati, una fragranza iconica e couture, ideata tra Parigi e New York, dalle note floreali fresche e cool: Libre, un tributo alla mente libera e visionaria di Yves Saint Laurent. Il primo Floral Lavender del brand, creato dal naso profumiere Anne Flipo, in collaborazione con Carlos Benaïm e il cui intento è stato quello di infondere un twist di mascolinità a una sensualità e femminilità ardente, prendendo ispirazione proprio dal pensiero rivoluzionario di Saint Laurent. Un’elegante costruzione che spazia tra il sensuale e il vivace, tra la quintessenza maschile e un cuore iper-femminile, tra l’eleganza parigina e le vibrazioni di New York, le due città dove hanno lavorato i profumieri. Ma soprattutto una fragranza che rivoluziona i codici della profumeria, perché appartiene alla famiglia dei Fougère, solitamente declinata al maschile e caratterizzata da note di lavanda. Anne Flipo ha reinterpretato il genere, personalizzando gli ingredienti chiave e sottolineando le note dominanti nel cuore, composto da Lavanda Diva della Provenza, per enfatizzare le sfaccettature calde e dolci dell’essenza, unita alla vaniglia del Madagascar e la classica nota di Ambra grigia donano un’ardente intensità al coinvolgente cuore floreale. E Libre gioca proprio sulla tensione tra maschile e femminile: “Il fougère è un accordo ideato dai profumieri, che definisce le fragranze più maschili. L’idea innovativa di Anne è stata di mixarlo a note estremamente femminili, sensuali e lussuriose come il fiore d’arancio. È la prima volta che qualcuno ha giocato con questa dualità ed è ciò che rende unico Libre”, spiega Carlos Benaïm. Lavanda francese e fiori d’arancio marocchini, dunque, i più pregiati perché di altissima qualità, coltivati direttamente dal brand Yves Saint Laurent Beauté, destrutturati e mixati con tecniche all’avanguardia, in modo da liberare la quintessenza di ogni nota. “Volevamo trovare la quintessenza, la più intrinseca emozione che questi ingredienti potessero comunicare. Abbiamo isolato i materiali che amiamo di più, per poi mixarli in una composizione unica, fatta su misura. Come, ad esempio, il nostro cuore di fiore d’arancio: così forte da essere un vero e proprio concentrato del fiore. Così ricco che è quasi carnale. E disegna ogni fibra della femminilità. Per la lavanda sono state rimosse le sfaccettature più intense e “medicinali” per renderla più femminile, avvicinandola più al fiore di lavanda che alla sua nota aromatica “, spiega ancora Benaïm.  “Nelle note di testa, l’assoluta di fiori d’arancio è abbinata alla sua essenza, il neroli, insieme al mandarino, che contrasta la lavanda. Nel cuore, invece, il gelsomino Sambac sottolinea la sua sensualità, donandogli più colore e forza. Nelle note di fondo, l’accordo di ambra grigia e vaniglia per rendere ardente il fiore d’arancio”, spiega Flipo.

COVER2

IL FOUGÈRE, UNO STILE CHE ABBATTE LE BARRIERE DI GENERE
Tra le famiglie olfattive delle fragranze moderne, quella del fougère si può considerare la più longeva e la prima a integrare ingredienti sintetici come la Vanillina e la Cumarina (il componente principale della Fava Tonka). Se oggi Anne Flipo e Carlos Benaïm la utilizzano per un profumo femminile, la curiosità è che il fougère venne all’inizio utilizzato proprio per le fragranze femminili, prima di essere apprezzato dai dandies che la fecero propria. Il nome è dovuto al primo profumo della sua tipologia, il Fougère Royal di Paul Parquet di Houbigant, nel 1882, una struttura basata sulla freschezza del geranio rosato e sull’aromatica lavanda, l’intensa cumarina e il muschio di quercia, che ha dato vita a innumerevoli fragranze classiche maschili. Con Libre, Anne Flipo e Carlos Benaïm lo hanno rivoluzionato, per rivelare la sua inclinazione femminile. “Ho pensato che sarebbe stato interessante rivisitare una struttura prettamente maschile, il fougère, insistendo sui dettagli che potevano trasformarlo in un vero e proprio profumo femminile”, spiega Flipo. “Ho subito sentito una connessione profonda con questo progetto maschile/femminile, perché esprime molto della mia personalità. Mi sento molto femminile, ma ho anche un’anima maschile che mi rende libera nel mio modo di vivere. Per questo motivo, mi sento più donna, più seduttiva, più genuina in un tailleur pantalone”.

COVER4

IL FLACONE
“Mi piace che il vestito sia sobrio ma l’accessorio folle”, diceva Saint Laurent. E anche il flacone di Libre non poteva che esprimere la dualità tra femminile e maschile e scardinare i codici classici, con le sue linee geometriche ispirate a un completo sartoriale, con la stravaganza couture della Cassandra oversize che taglia il flacone, come avvolgendolo, con la raffinata catena dorata avvolta intorno alla sommità della bottiglia, infine con il tappo obliquo dall’asimmetria couture e sexy. Disegnato dalla designer Suzanne Dalton che si è “presa la libertà di destrutturare un’icona, perché la Cassandra YSL, uno dei loghi più leggendari della moda, è l’unica a essere istantaneamente riconoscibile da ogni prospettiva”. Dalton ha capovolto il simbolo su di un lato, curvandolo per seguire l’angolo vivo del flacone e saldandolo al vetro come un vero gioiello, realizzando così una sensuale fusione tra il metallo, il vetro e la fragranza. “C’è un’attitudine molto sexy tra il vetro nudo e sobrio del flacone e il metallo audace degli accessori. Il logo cassandra rappresenta una femminile mascolinità”, spiega Dalton.

DUA LIPA: PERFETTA AMBASSADOR
E per finire, anche il volto di Libre non poteva che essere speciale, la cantante Dua Lipa. “Essere libera nel 2019 per una donna vuol dire una sola cosa: vivere la vita secondo le proprie regole”, spiega la giovane popstar inserita dal Time Magazine nella lista dei Next Generation Leader, i giovani più influenti del momento dei quali si parlerà ancora in futuro. Un’ambassador powerful ed edgy, che incarna la fierezza femminile della fragranza, il perfetto mix di libera sensualità e forza innata che rappresenta la donna YSL, libera di scrivere le proprie regole.

L’articolo Libre, il profumo per lei che piacerebbe anche a lui sembra essere il primo su Glamour.it.