Antibiotici: in Italia se ne prescrive il 50% in più della media

0
13

Antibiotici in Italia. Nel nostro Paese se ne prescrivono troppi , addirittura oltre il 50% della media dei Paesi Ocse. L’allarme arriva proprio dal rapporto Health at a Glance 2019 (salute a prima vista, ndr) dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che raccoglie 35 Paesi, in pratica quelli della Ue insieme a Stati Uniti, Canada, Giappone, Svizzera e Norvegia.

In Italia nel 2017, ultimo dato disponibile, i medici hanno prescritto nelle cure primarie 28 dosi giornaliere definite per 1.000 abitanti. È il secondo numero più alto tra i Paesi Ocse. La media è di 18. Ecco le regole per utilizzare bene gli antibiotici.

Antibiotici in Italia: le infezioni in ospedale 

Come se non bastasse abbiamo i tassi di infezione associati all’assistenza sanitaria (Iaas) superiori alla media, con quasi il 6% dei pazienti ospedalizzati che hanno almeno una infezione ospedaliera. Spesso questo tipo di infezioni ha conseguenze molto gravi, che possono portare anche alla morte. I batteri resistenti agli antibiotici possono rendere le infezioni ospedaliere difficili o addirittura impossibili da trattare.

Antibiotici in Italia: la situazione è particolarmente difficile  

In tredici anni dal 2003 al 2016 le persone che sono morte per infezioni prese in ospedale sono passate da 18.668 a 49.301. I dati arrivano dal Rapporto Osservasalute 2018. Nel nostro Paese c’è il 30% di tutti i decessi per sepsi o setticemia, che avvengono nei 28 Paesi dell’Unione europea.

Il vero problema è l’antibiotico resistenza

È ormai cosa nota il legame tra l’abuso di antibiotici e l’insorgenza del fenomeno della antibiotico resistenza.
Questo tipo di farmaci resta un mezzo di protezione irrinunciabile per la nostra salute. È solo l’antibiotico che è capace di curare infezioni di origine batterica che potrebbero essere anche letali. Bisogna sempre seguire le indicazioni del medico.

La resistenza agli antibiotici è considerato una delle maggiori minacce alla salute dall’Organizzazione mondiale della Salute. È anche un onere di spesa sanitaria per ogni Paese. Una prescrizione eccessiva e inappropriata di antibiotici contribuisce alla diffusione di microrganismi resistenti agli antimicrobici.

In Italia il 33% dei morti nell’Unione europea per l’antibiotico resistenza

Nel nostro Paese ci sono 10.000 morti per resistenza agli antibiotici, il 33% del totale europeo. Perché siamo il Paese con più morti in Europa?

Secondo l’Ocse è necessario attuare politiche per combattere la diffusione della resistenza antimicrobica.

Leggi anche…

 

 

 

L’articolo Antibiotici: in Italia se ne prescrive il 50% in più della media proviene da OK Salute.