“Guardi siti porno? Ora paga”. La truffa online è una maxi estorsione, ma la mail è innocua

La nuova campagna sfrutta un limite dei provider di posta elettronica che fa comparire tra la posta inviata anche quella del truffatore. La polizia: “Centinaia di denunce da tutta Italia”